Rifondazione per la sinistra

Un manifesto per la rifondazione

Lettera a Liberazione

Posted by carbonetti battistino su 15 agosto 2008

Ho scritto questa lettera, e spero sia pubblicata, anche se  dopo il congresso tira un’aria bruttissima, a Liberazione perchè il silenzio su questi fatti mi sembra scandaloso. Posso capire non prendere posizione sulle varie linee politiche presenti nel partito, anzi questo lo approvo, ma tacere sulle cose positive fatte da un governatore di regione comunista, solo perchè ha lo scomodo nome di NIki Vendola mi sembra  stupido, anzi strano, proprio per come è e dimostra tutti i giorni di essere un giornalista come Sansonetti.

Premesso che voglio un giornale libero, i giornali stile Pravda che sembrano
piacere tanto a alcuni compagni/e a me non interessano, semplici bollettini che
scrivono quello che tu vuoi leggere, un giornale deve far pensare, non
compiacere. Voglio però chiedervi una cosa.  Vagando per internet ho scoperto
alcune cosette fatte dalla regione Puglia che sono in netta controtendenza
rispetto al panorama italiano. Ad esempio quella legge voluta da Niki che da
assistenza sanitaria agli stagionali extracomunistari che lavorano nelle
campagne con centri mobili che si spostano nelle campagne, forniti di
strumentazioni per analisi , radiografie ed altro, la diffusione nelle campagne
di fonti di approvvigionamento dell’acqua, carenza segnalata anche da medici
senza frontiere, che infatti ha plaudito a questa iniziativa, e lla creazione
di dormitori correttamente igenici per  i lavoratori stagionali. O l’accordo
fatto con i grandi e piccoli centri di distribuzione per distribuire latte,
acqua e detersivi con i dispenser, accordo che eliminerà in propsettiva una
bella fetta di rifiuto. o il progetto che ha coinvolto ben 12 mila giovani
pugliesi perchè i loro sogni, di piccola imprenditoria, artigianato o nelle
arti diventino realtà. Senza qui elencare le diversità di programmazione sulla
sanità,  rispetto del territorio, anziani e fasce deboli. Posso capire che
pubblicare questei fatti in pieno congresso avrebbe suscitato le ire  di chi
non sa vedere oltre i propri steccat, ma tacere su fatti che fanno percepire il
modo diverso di governare di un comunista rispetto non solo alla destra , ma
anche alle giunte di centrosinistra, cioè valorizzare il nostro saper fare 
credo che non sia bella positivo. Forse un vizio della sinistra italiana,
sempre disposta alla critica e alla polemica, mai a saper valorizzare ciò che
di positivo può fare.

Annunci

23 Risposte to “Lettera a Liberazione”

  1. Mi sembra che le cose stiano un po’ diversamente.

    “Liberazione” qualche settimana fa, in pieno congresso, in seconda pagina ha pubblicato in buon rilievo un articolo di Martino Mazzonis dal titolo “Te la do io la qualità dello sviluppo. Sbilanciamoci fa la pagella alle regioni”.
    L’articolo riportava che l’associazione Sbilanciamoci!, che da tempo si occupa di dare una valutazione sociale ed ambientale delle politiche nazionali e locali in Italia (specialmente occupandosi della Legge Finanziaria) usando indicatori più complessi del solo PIL e tenendo quindi conto anche di questioni come le abitazioni, la qualità del lavoro, la sanità, i diritti di cittadinanza ecc., ha pubblicato anche quest’anno la “classifica” delle regioni secondo un indicatore combinato
    che si chiama QUARS (Qualità Regionale dello Sviluppo).
    Ho cercato di scoprire come si piazza la Puglia di Nichi Vendola, visto che questo compagno sostiene di avere la ricetta per mettere a posto Rifondazione Comunista e stava conducendo allora una guerra senza risparmiarsi colpi sotto la cintura per conquistare il posto di segretario nazionale del PRC e ora è impegnato ad opporsi alla “svolta a sinistra” che ha prevalso al congresso di Chianciano.
    Eppure, pensa un po’, l’articolo su “Liberazione” si è “dimenticato” di nominare la Puglia!! Forse chi scrive su quel giornale si era dimenticato che un iscritto di Rifondazione Comunista è il presidente di quella regione.
    Non mi sono dato per vinto. Sono andato sul sito di Sbilanciamoci!, ho cercato il file con il rapporto in questione e ho trovato la classifica. L’avresti mai detto? La Puglia è terzultima, peggio di lì (secondo Sbilanciamoci!) si vive solo in Sicilia e Campania.
    Questa non è una notizia che i lettori di “Liberazione” avrebbero avuto il diritto di avere?
    Forse, però, non si voleva “influenzare” il congresso. Meglio che i dati su come vanno veramente le cose nel paradiso socialista pugliese vengono tenuti ben nascosti, e Vendola sia giudicato dai militanti comunisti per i suoi raffinati slanci poetici (che pure…).

  2. Mario said

    Non so dove abiti Mauro Vanetti, ma a me sembra che scenda dalla luna. La puglia è una regione del sud. Non ho letto il rapporto di sbilanciamoci (che detto per inteso non è il wall street journal, nè il rapporto dei frati domenicani). Ma da quando sono nato so che la Puglia è a sud in italia.
    Vanetti farebbe bene a ritornare sul sito da lui citato e di confrontare il rapporto 8io non ci vado, come dicevo non mi sembra un sito che brilli di scientificità, non avendone mai sentito parlare) e confronti se per caso, negli ultimi tre anni la puglia non ha per caso fatto qualche passo in avanti.
    Chiedere a Nichi di portare in tre anni la puglia nel nord italia, mi sembra un pò azzardato.
    Io so che in puglia si sono approvati i DICO, i giovani laureati vanno all’estero a specializzarsi a spese della regione, è stata concessa l’assistenza sanitaria agli immigrati, è cresciuta la moralità nelle procedure concorsuali, si è ottenuto un PIL 2007 superiore a quello della stessa lombardia……….
    E poi, se non ci fosse stato Vendola, in puglia ci sarebbe stato Boccia 8sconfitto nelle primarie) o Fitto.
    Vanetti farebbe bene a dire cosa prevede che si sarebbe ottenuto di più con uno di questi uomini.
    Siamo tutt’orecchi.
    Senza acredine.

  3. elisa said

    Grazie, Mario. del tuo intervento. Sei pugliese e sei in grado di dirci se Vendola è riuscito ad “invertire il declino” in quella che fino a 3 anni fa era la regione all’ultimo posto per crescita economica. Ma lo sviluppo di una regione non deve essere considerato solo quello economico: E’ riuscita l’Amministrazione Vendola ad incidere anche nel tessuto sociale e culturale?

  4. mau68 said

    @ Elisa-Mario: sbilanciamoci?
    chi aderisce e/ fondato “Sbilanciamoci”: AIAB, Altreconomia, Antigone, Arci, Arci Cultura e Sviluppo, Arci Servizio Civile, Associazione Finanza Etica, Associazione Obiettori Nonviolenti, Associazione per la Pace, Beati i Costruttori di Pace, Campagna per la Riforma della Banca Mondiale, Carta, CIPSI, Cittadinanzattiva, CNCA, COCIS, Comunità delle Piagge Firenze, Comitato italiano contratto mondiale sull’acqua, Coop. ROBA dell’Altro Mondo, CRS, CTM Altromercato, Crocevia, Donne in nero, Emergency, Emmaus Italia, Fair, Fondazione Culturale Responsabilità Etica, GESCO, Gruppo O.Romero SICSAL Italia, ICEA, ICS, Legambiente, LILA, Lunaria, Mani Tese, Microfinanza, Movimento Consumatori, Nigrizia, Pax Christi, Re.D.S. – Rete Degli Studenti, Rete Lilliput, Terre des Hommes, UISP, Unione degli Studenti, Unione degli Universitari, Un Ponte per…, WWF
    Elenco pubblicazioni:
    Come si vive in Italia?, (QUARS) Qualità sociale, diritti umani, ambiente, politiche pubbliche regione per regione, Lunaria, 2007
    Libro bianco sulle politiche pubbliche di Cooperazione allo Sviluppo, 2006
    Come si vive in Italia?, (QUARS) Qualità sociale, diritti umani, ambiente, politiche pubbliche regione per regione, Lunaria, 2006
    Economia a mano armata 2006
    Giustizia fiscale, welfare, cittadinanza: le tasse, le politiche sociali ed il ruolo dello Stato nell’opinione degli italiani.
    Rapporto sulla qualità dello sviluppo nella Provincia di Ascoli Piceno, 2005
    Atlante di un’altra economia (a cura di G. Naletto e V. Cobelli), manifestolibri, 2005
    Come si vive in Italia?, (QUARS) Qualità sociale, diritti umani, ambiente, politiche pubbliche regione per regione, Lunaria, 2005
    Rapporto 2005 sulla cooperazione allo sviluppo in Italia, Lo Straniero, 2005
    Cambiamo Finanziaria. Le proposte di Sbilanciamoci per la finanziaria 2005
    Come si vive in Italia? Qualità sociale, diritti umani, ambiente, politiche pubbliche regione per regione (QUARS), Lunaria 2004
    Cambiamo Finanziaria. Le proposte di Sbilanciamoci per la finanziaria 2004
    La ricostruzione in Iraq. Un gioco di interessi, Mosaico di pace e Altreconomia, 2003
    Economia a mano armata, Altreconomia, 2003
    La finanziaria per noi. Le proposte di Sbilanciamoci per la finanziaria 2004, i libelluli dell’Altraeconomia, 2002
    Rapporto sulla finanziaria 2002, manifestolibri, 2001
    Rapporto sulla finanziaria 2001, Lunaria, 2000

    faccio inoltre presente che “Sbilanciamoci” è sempre stata un punto di riferimento di tutti gli amministratori della sinistra oltre che dell’associazionismo pacifista e per tutti quelli che sono impegnati “a favore di un’economia di giustizia e di un nuovo modello di sviluppo fondato sui diritti, l’ambiente, la pace”, tanto che le sue pubblicazioni sono sempre state recensite su tutta la stampa democratica…

  5. Mario si augura che il sottoscritto “confronti se per caso, negli ultimi tre anni la puglia non ha per caso fatto qualche passo in avanti”. Nel rapporto di Sbilanciamoci! (associazione che secondo Mario è sconosciuta ma che invece secondo “Liberazione” merita un articolo importante in seconda pagina, e di “Liberazione” e del suo modo di raccontare o non raccontare la Puglia si stava parlando) si dà anche un confronto rispetto all’anno precedente. Risulta che la posizione della Puglia è peggiorata.

    Con questo non sto dicendo che Vendola non stia facendo assolutamente niente di utile in Puglia, dico solo che le poche briciole ottenute non mi pare meritino i toni trionfalistici utilizzati qui ed altrove. Stiamo parlando di una regione che è agli ultimi posti in quasi tutti gli indicatori sociali, in mano pur sempre a mafiosi, caporali e faccendieri. D’altronde i miseri risultati elettorali di Rifondazione in Puglia mi pare la dicano lunga sul consenso di cui godiamo in quella regione e sulla profondità della trasformazione.

    Non mi pare di dire niente di così incredibile se sostengo che in buona sostanza governare col PD è un gioco che non vale la candela, né a Roma né a Bari. A meno che non ci si basi sul valore delle poltrone.

    PS: Il PIL della Puglia nel 2007 ovviamente non è affatto maggiore a quello della Lombardia. Anche considerando il PIL procapite la differenza è enorme, quello lombardo è più del doppio di quello pugliese. Forse Mario stava parlando della *crescita* del PIL, ma spero che nessuno creda che il PIL pugliese cresca grazie alla giunta Vendola! L’andamento di un’economia capitalistica non è certo determinato dal colore del governo in carica, né mi risulta che in Puglia ci sia il socialismo.

  6. nonviolento said

    Sarà non maggiore, ma è cresciuto, mentre quello della Lombardia è sceso, ti rendi conto che pur di sparlare di Vendola scrivi anche delle cazzate? E poi da quando sbilanciamoci e altri sono divenuti i nostri lumi o cosa è il famoco partito sociale che vi porta a prendere cone ora colato tutto quello che viene dalle associazioni? O solo quello che serve per dare addosso a lui, il vero unico nemico: da come scrivete sembra che abbiate più in odio Vendola che Berlusconi o la destra, siete ridotti proprio male…..ma mai tanto quanto i cosidetti compagni di un settore della UNO in Puglia che durante la campagna congressuale aspiravvano ad una debacle del candidato alle elezioni regionali per poter alfine dire , vedete avevamo raggione ( letto su di un blog infamante)….in fondo gli stessi anche durante le primarie hanno rifiutato di fare attività “perche le primarie sono una forma borghese” (sig).

  7. mau68 said

    la giovanissima età fa sostenere… cose “inesistenti”…
    Vendola nel 2005 era fuori da ogni gioco nazionale; per il suo numero di presenze in parlamento (per il PRC tredici anni ininterrotti!!!) non sarebbe stato ripresentato, non era tra i “successori designati” alla segreteria (a cui Bertinotti aveva predestinato “Giordano, Ferrero o Migliore”; la scelta cadde su Migliore, Giordano fu eletto solo per “tenere in caldo” e fare da tutore a Migliore, ritenuto da molti troppo giovane);
    la segreteria che decise la sua candidatura alle primarie era composta dalla maggioranza dei dirigenti della UNO, tutti -dico tutti- parteciparono a quella emozionante campagna per le elezioni!
    ogni tanto pur di parlare…

  8. Mario said

    Ok Mau68. Ci hai convinto. Alle prossime elezioni regionali votiamo la destra.
    Hai ragione, Vendola non è capace quanto Berlusconi. Ci vuole uno di destra.
    Sarai contento?
    Che bravi che siamo a spararci i pesci in faccia fra noi!!!!!!

  9. mau68 said

    @ mario
    forse non sono stato abbastanza chiaro… non ho mai sostenuto (come qualcun altro qui sopra) di abbandonare le giunte di centrosinistra ma di valutare caso per caso; a bologna -di fronte alle politiche destrorse- il prc ha giustamente abbandonato la maggioranza (pur perdendo vari “pezzi”), così come ha difficoltà a firenze…
    Puglia: politicamente è una risorsa avere Vendola presidente della regione, è chiaro le difficoltà nel sud portare avanti determinate politiche (in una regione che è sempre stata all’ultimo posto in tutti i parametri ed infiltrata -ad ogni livello- dalle mafie); inoltre le difficoltà sono certamente aumentate dopo le elezioni politiche (SA al 3% come a livello nazionale, dal quasi 10% del 2006: prc 5,7-pdci 2,1- verdi 1,7) diminuendo la già debole “forza” della sinistra all’interno della coalizione: su 42 seggi della maggioranza solo 7 alla sinistra – di cui 4 prc!!!)… governare in qs condizioni non è certo facile!
    Spero che due anni Vendola possa candidarsi e vincere ancora…

  10. Mario said

    E allora se lo speri, datti da fare e smettila di gettare fango su di lui per le questioni congressuali. Se ci tieni al futuro di Rc, allora fai qualcosa di utile. Queste pagine sono pubbliche e non vengono lette solo da noi.

  11. @Nonviolento:

    “Sarà non maggiore, ma è cresciuto, mentre quello della Lombardia è sceso, ti rendi conto che pur di sparlare di Vendola scrivi anche delle cazzate?”

    Quale sarebbe la cazzata che ho scritto?
    Tra l’altro una (ennesima) cazzata l’hai scritta tu dicendo che il PIL lombardo è diminuito nel 2007. Non che mi interessi molto, né mi pare che dimostri alcunché, ma il dato di fatto è che è cresciuto dell’1,7%.

  12. PS: “E poi da quando sbilanciamoci e altri sono divenuti i nostri lumi o cosa è il famoco partito sociale che vi porta a prendere cone ora colato tutto quello che viene dalle associazioni?”

    1. Sbilanciamoci! è stato citato favorevolmente da “Liberazione”, e non da me. Ma qui si parlava del fatto che “Liberazione” secondo l’autore del post “nasconde” i risultati brillanti di Vendola in Puglia. Io dico che invece nasconde i problemi molto grossi della Puglia e come la giunta del PD (“guidata” da Vendola ma in realtà manovrata dai soliti potentati) non stia facendo niente per risolverli.

    2. Non è che chiunque non sia d’accordo con Vendola è automaticamente d’accordo con ogni cosa che dice Ferrero, per esempio il partito sociale mi sembra una “cagata pazzesca”, e d’altronde non credo che nessun circolo si attiverà poi veramente per provare a farlo.

    3. Non prendo i dati di Sbilanciamoci! come oro colato, ma mi sembra difficile credere che siano tutti dati inventati, visto che si tratta di numeri e non di valutazioni soggettive. E alcuni di questi numeri danno davvero i brividi, se penso che c’è gente che parla della Puglia come di un paradiso.

  13. nonviolento said

    Dunqueda fanalino di coda in due ani epassatala primo posto fra le regioni del meridione, ha una crescita del pil del 2%, il che lacollaca fra le più elevate d’italia, come crescita ,non come pil generale, quando si fa finta di non capire …..Esistono ancora molte zone di sofferenza, ciò non toglie che i programmi approvati, con stanziamenti per l’appoggio agli affiti, alle fesce deboli, allaricerca, alla salvaguardia del territorio, per le nergie alternative, di sotegno agli extracomunitari, di sostegno alle poltiche giovanili siano i più avanzati in talia . Invece di farsi venire i brividi basta farsi un giretto nel sito della regione leggere i programmi IL vostro continuo far riferimento a regioni che mai hanno soffertonè le condizioni di cronica arretratezza del sud, nè il malgoverno della destra è l rappresentazione della malafede. Resta il fatto che ha superato come crescita la campania nonostante i suoi lunghi anni di governo di centrosinistra.Non è il paradsio, quello, assieme a quelo dellavvenire lo lasciamo alle repubbliche socialiste della toscana e della emilia romagna. Restano gravi problemi di redistribuziuone, ma a situazione miglira , mentre nei paradisi socialisti dimunisce, pur restando migliore. Sul fatto che però, nonostante le differenze dovute al punto di partenza resta il fatto che l socialismo italiano applicato il segno e meno costante da molto, lì almeno da due anni e più. Questione di scelte, ed il fatto che invece di farlo rilevare , voi ce la mettiate tutta a esaltare regioni govrnate da giounte egemonix zzate dal PD dice tutto. ome non riuscire avedre i cambiamenti, le scelte alternative di investivello settario può farlo.

  14. Mario said

    lA PUGLIA è L’UNICO REGIONE DEL SUD CHE NON è COINVOLTA IN SCANDALI PIU’ A MENO GRAVI. E QUESTO, DA SOLO, E’ GIA’ UN GRANDE RISULTATO.
    Adesso in Puglia il PD sta cercando di mettere in difficoltà Nichi, perchè aspira ad avere un candidato suo. Chi si dice di sinistra, in questo momento dovrebbe solo RESISTERE, non gettare fango a destra ed a manca per questioni personalistiche.
    Il governo Fitto in puglia è stata una sciagura. La corruzione in questa regione è stata atavica. Boccia (lo sfidante di Nichi alle primarie) uomo della margherita, non avrebbe realizzato molte delle cose che Nichi ha fatto. Tutto quello che viene è brodo colato, rispetto a quello che è stato o che avrebbe potuto essere.
    Non state facendo un buon lavoro per la sinistra. Spero che ne siate consapevoli (almeno!!!!).

  15. mau68 said

    ribadisco: politicamente è una risorsa avere Vendola presidente della regione Puglia e mi auguro che fra due anni Vendola possa candidarsi e vincere ancora…
    non capisco perché ci si debba adombrare se -attraverso pubblicazioni della sinistra- si possa muovere obiezioni (i compagni sopra sono evidentemente contro ogni partecipazione ai governi con il centrosinistra, sia a livello nazionale che locale… posizione su cui non concordo totalmente ma rispetto);

    non capisco poi perché la Puglia non si possa criticare ma si possa “maledire ” tutte le altre regioni dove governa il prc; cito da questo sito:
    “Liguria, dove gli scandali del comune di <genova hanno lambito la setssa regione, come quelli sul porto, dove l’assegnazione delle cariche nelle coopartecipate avviene secondo le regole del manuale cencelli e il partito ne è partecipe…”
    “Emilia Romagna dove che si è ottenuto in tanti anni che cosa?”…
    “Abruzzo, l’accordo con l’Italia dei Valori di Antonio Dipietro, l’interlocutore preferito di Rifondazione, fare le liste, dividersi i candidati. Avrà un bel lavoro il compagno segretario Ferrero. Ma adesso il congresso è finito, l’avete vinto, dovete governare il partito. Con la quinta colonna il compagno Antonio Dipietro”…
    “Umbria e l’Abruzzo, visto che l’indagine di cui si parla tanto della Magistratura Calabrese, partiva dalla calabria mai aveva i suoi termionali proprio in quelle regioni e sappiamo tutti benissimo che senza collusioni degli uomini o donne al potere le mafie fanno pochi affari”…

    dalle citazioni di questo sito, si dovrebbe evincere che si possono accusare delle peggiori malefatte i compagni del prc che governano 10/11 regioni italiane ma non portare dati sulla Puglia perché: “Non state facendo un buon lavoro per la sinistra. Spero che ne siate consapevoli (almeno!!!!)”…

    ribadisco spero che il compagno Vendola (anche se dovesse uscire dal Prc) possa -tra due anni- essere di nuovo presidente della regione Puglia… ma compagni un minimo di correttezza anche verso gli altri… o no?

  16. nonviolento said

    Non capisci un cazzo, ebbene è ora di usare anche termini pesanti. Prefersico credere che tu non capisca un cazzo a credere che tu sia così perverso da ribaltare ciò che si scrive sapendo di farlo. Non si maledice nessuno, ci si domanda solo perchè non si esaltano, da parte del partito e del suo organo nazionale le cose fatte, le leggi in controtendenza, il fatto che ,se pur ancora insufficiente, protezione del territorio, delle fasce deboli, degli extracomunitari, moralizzazione della sanità e del pubblico in quella regione avanzano nelle altre arretrano, non si capisce perchè, e qui si parlava della Calabria e non della Puglia, ma nel tuo fervore non te ne sei nemmeno accorto, scandali, mal governo facciono caso solo lì e non in altre regioni dove pure esistono. Solo questo ci si chiede, senza maledire alcuno o fare priorità. E, secondo te, strano chiedersi perchè il suo partito non esalti il suo operare come governatore di una regione?

  17. mau68 said

    povero violento… la tua foga aggressiva, portandoti a rinnegare anche quello che hai affermato, … si tramuta in comicità licenziosa e volgare;

    non è mia abitudine offendere nessuno, né tanto meno ritengo di averlo fatto in questo sito ma… per il rispetto dei fatti e dei contenuti:

    1) i tuoi proclami, nel post intitolato: “Detersivi, vino e latte alla spina Così nei supermarket di Puglia” (copia e incolla… da http://lanuovasinistra.blogattivo.com hanno assegnato la patente di collusi con il malgoverno e con il malaffare a tutti i compagni del prc che amministrano le regioni centro nord (al di là che che dette affermazioni fossero in difesa della calabria o della norvegia… non cambia il peso degli enunciati);
    3) nella tua autoconvinzione allucinatoria riesci persino a ribaltare il senso oggettivo dei fatti! infatti ti domandi:
    “Mi viene da chiedre al compagno Minniti se i problermi di collusione sono emersi solo dopo il cambio di indirizzo politico della maggioranza calabrese del aprtito,e se invece fino all’anno passato, quando la regione era un feudo di voti per i grassiani tutto era lidscio come l’olio, mi sembrano un poco tardicvi i suoi timori, o forse sbaglio?”…
    senza neanche accorgerti che ti sei già dato la risposta: proprio il passaggio conseguente -dopo i noti scandali- del prc all’opposizione ha portato molti a “cambiare casacca”… cioè da “grassiani a vendoliani” per poter giustificare la rentrée (insomma dopo che era chiaro l’indirizzo della moz 1: contrario al rientro in giunta, molti sono approdati dove potevano trovare giustificazioni ai loro atti…);

    fermati a riflettere forse…

  18. rifondazioneperlasinistra said

    Ragazzi, che palle. Fate in modo che non sia tentato di ‘chiudere’ i commenti o di ammetterli solo per i registrati e tolga l’account di autore a qualcuno. Fate i buoni…

  19. nonviolento said

    Posso capire che la tua conoscenza sia approssimativa, ma, informati se non credi, il cambiamento avvenne proprio per il contrario. Cioè la parte di partito, ora sotto accusa, cambiò casacca, come tu la chiami, perchè la parte che ora si erge a moralista non voleva uscire dalla giunta. Informati meglio, o meglio leggi meglio ciò che è scritto. Infatti i compagni calabresi lo dichiarano esplicitamente nella loro lettera, forse quel passaggio ti è saltato? Ma questo forse può sorprendere te, ma non chi ha contatti quotidiani con questi settori del partito che assomigliano molto ai dilibertiani, solo in questo per fortuna loro e nostra, cioè molto duri nelle parole, ma altrettanto opportunisti quando di tratta di entrare ed uscire da maggioranze, che poi è un vecchio vizio che si portano dietro direttamente dal PCI.

  20. mau68 said

    la cosa sorprendente è che:

    1- compagni della moz. 2 calabresi definiscano il rientro nella giunta Loiero una corsa per le poltrone e sistemazione personale e di gruppo…

    2- un compagno dellamoz. 2 calabrese definisce questi compagni “privi di titoli” a parlare di moralità…

    tutto questo scambio di accuse all’interno della mozione 2 -con imputazioni reciproche di comportamenti conformi alla logica dell’interesse personale piuttosto che di quello collettivo- avviene pubblicamente sui giornali sia locali che nazionali…

    di fronte a questo non c’è molto da “informarsi”… l’informazione ai cittadini avviene già attraverso questi comunicati:
    insomma certo uno “spettacolo” non proprio divertente!

  21. nonviolento said

    Devi smetterla, sei monotono scrivi le stesse cose in discussioni diverse, ciao trollino. sSe vuoi la risposta a questa ennesima ripetizione vai all’altra discussione.

  22. mau68 said

    solita risposta… anche gli altri “hanno la rogna”!

    il problema è un altro, a cui non si risponde: la questione meridionale è o no (dall’unità d’italia, come osservava gramsci) un problema? come uscirne: con risposte “governiste” (sempre e comunque al governo con il Pd) o con altri tipi di risposta, o riuscire ad imporre uomini e idee (ad esempio in puglia la sinistra, nonostante i suoi risultati, è riuscita ad imporre un proprio candidato) oppure restare all’opposizione?

    quello che volevo mettere in evidenza (ma qualcheduno come al solito si ferma alla superficie senza cogliere le implicazioni delle “provocazioni”…) rimane il problema che anche nella moz 2 (come si vede dal dibattito -meglio sarebbe dire gli insulti) le posizioni sembrano molto variegate, così come sono sempre state nel partito: ad esempio in toscana -regione- il prc è sempre stato all’opposizione… solo da poco è in maggioranza (con esponente moz 2, così come in emilia: assessore moz 2) in quanto ha sempre posto condizione mai accettato dai Ds-Pd…

  23. nonviolento said

    La risposta è solo nelle mani delle genti del sud, e le soluzioni possono essere molteplici e noi, con tutta sincerità, dopo aver saccheggiato il sud in mille modi, dopo averlo trasformato in fonte di guadagni illeciti, e non solo da fonte malavitosa, pensiamo solo alle centinaia di cattedrali nel deserto costruite solo per truffare la CE, dovremmo almeno avere un rispettoso silenzio. Lasciamo ai compagni del sud discutere sui metodi e i modi per uscire da una questione meridionale che noi del nord non abbiamo e voluto mai risolvere, abbandoniamo questa visione del fratello scemo e noi dei bravi figli di buona famiglia. Il federalismo è oramai cosa certa, e , come scrive Vendola, non è cosa estrane a noi, perchè voluto dalla stessa Carta Costituzionale, forse mai fatto perchè più di un sud autonomo serviva, un po’ a tutti, un sud dipendente. Nel federalismo c’è insita la possibilità del riscatto del sud, basta che siano le sue genti a prenderne in mano l’indirizzo. Un consiglio a me, a te ed anche a tanti e tante nel partito, lasciamogli azzuffare, discutere, accapigliarsi fra di loro, lasciamogli prendere una o più e diverse decisioni eliminiamo gli interventi di mozione fatti solo per altri interessi che non sono quelli della risoluzione dei loro problemi. Smettiamola di giudicarli dall’alto della nostra presunta onestà di centro e nord Italia, perchè i grandi interessi della malvita del sud siamo sempre stati noi asfruttarli ed a usarli, quindi anche fra noi, nel centro e nel nord c’è molta rogna.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: