Rifondazione per la sinistra

Un manifesto per la rifondazione

RISULTATI DELLE ELEZIONI DEGLI ORGANI DIRIGENTI – CPN 13 SETTEMBRE

Posted by rifondazioneperlasinistra su 15 settembre 2008

Il Comitato politico nazionale, si è riunito oggi  14 settembre per discutere e votare tre organismi dirigenti: la segreteria nazionale, il tesoriere, la Direzione.

Presenti 275 membri su 281 componenti, votanti 274.

Le votazioni si sono svolte a scrutinio segreto.

Segreteria nazionale: 

voti favorevoli 141
voti contrari    130
astenuti               3

il quorum era di 138 voti, la segreteria è quindi stata approvata.

I componenti, sei membri più il segretario, sono equamente ripartiti in tre uomini e tre donne, e sono:

–    Maria Campese                     – Claudio Grassi
–    Eleonora Forenza                 – Gianluigi Pegolo
–    Roberta Fantozzi                  – Claudio Bellotti

La Direzione del prossimo 22 settembre assegnerà gli incarichi di lavoro.

Tesoriere:

Sergio Boccadutri  segretario uscente:

voti favorevoli  256
voti contrari       10
astenuti               5
schede bianche    3

Sergio Boccadutri è stato quindi riconfermato tesoriere.

Direzione:

60 componenti

voti favorevoli  247
voti contrari       22
astenuti               5

La Direzione è stata approvata.
 L’elenco dei componenti verrà reso noto quanto prima.

Lo Statuto ancora al vaglio, sarà online la prossima settimana

da rifondazione.it

Annunci

27 Risposte to “RISULTATI DELLE ELEZIONI DEGLI ORGANI DIRIGENTI – CPN 13 SETTEMBRE”

  1. CHE DICE L'ERNESTO ? said

    Che dice L’Ernesto ?

  2. CHE DICE L'ERNESTO ? said

    Dichiarazione di GIANLUIGI PEGOLO su GIANLUIGI PEGOLO sul sito internet nazionale del PRC di oggi lunedi 15 settembre 2008:

    DICHIARAZIONE DI GIANLUIGI PEGOLO SU NOTIZIE FALSE IN MERITO ELEZIONI CPN.

    MIO NOME IN SEGRETERIA E’ ESPRESSIONE DELLA MAGGIORANZA DELL’AREA DELL’ERNESTO ( 15 MEMBRI sui 22 PRESENTI NEL CPN ).

    DICHIARAZIONE DI GIANLUIGI PEGOLO, NEO-COMPONENTE SEGRETERIA NAZIONALE PRC, E DI ALTRI DIRIGENTI DELL’AREA DELL’ERNESTO ( GIA’ MOZIONE CONGRESSUALE NUMERO 3 ).

    ” Da alcuni giorni, sulla stamoa, informazioni che distorcono totalmente i fatti, per quanto riguarda la formazione dei gruppi dirigenti di Rifondazione Comunista e, in taluni casi, tali informazioni sono supportate da dichiarazioni prive di credibilità, non ultima quella resa – sabato scorso 13 settembre, nella sede del Comitato Politico Nazionale del Prc – da Fosco Giannini.

    I fatti sono i seguenti. La mozione 3, in tutte le sue componenti, ha proposto che la segreteria nazionale del Prc fosse sufficientemente ampia per consenstire la presenza di due membri della mozione. Tale richiesta non è stata accolta dal resto della maggioranza congressuale con la motivazione che si preferiva optare per un organo più snello, composto da sette membri, come poi è effettivamente risultato nella votazione del Cpn del Prc, sempre lo scorso 13 settembre.

    Alla mozione 3 è stato quindi assegnato un membro, corrispondente all’incirca alla percentuale ottenuta dalla mozione stessa in sede congressuale. A questo punto la mozione 3 ha dovuto scegliere chi proporre. I risultati sono stati i seguenti. 15 membri ( su 22 ) del Comitato Politico Nazionale appartenenti all’area dell’Ernesto hanno indicato Gianluigi Pegolo, la cui proposta è stata quindi accolta dal segretario nazionale Ferrero, che lo ha indicato nella sua proposta di composizione nella segreteria nazionale. Circa la presunta esclusione dell’Ernesto, i numeri parlano da soli. Su 16 membri presenti del Comitato Politico Nazionale ( sui 22 totali della mozione 3 ) espressi dall’area dell’Ernesto, 9 ( e quindi la maggioranza ) si sono pronunciati a favore della nomina di Gianluigi Pegolo. Questi sono i fatti, il resto è disinformazione o pura strumentalità.

    Guido Benni
    Fabio Blasio
    Pasquale D’Angelo
    Matteo Malerba
    Antonello Manocchio
    Adriana Miniati
    Alba Paolini
    Gianluigi Pegolo
    Laura Petrone

  3. E' COSI ? O NON E' COSI' ? said

    Quindi c’è una maggioranza e una minoranza anche dentro l’Ernesto.
    9 a 6.
    E su che cosa si sono divisi ?
    Poi se ho capito bene altri 7 fanno parte della mozione 3 ma non dell’Ernesto.
    O non è così ?
    Certo…. forse era meno comico se Pegolo non faceva questo comunicato su Pegolo.

  4. bernardo de luigi said

    Quelli dell’Ernesto sono pochi ma son cazzuti voi siete tanti ma siete ricchiuti!

  5. elisa said

    Povero Bernardo ! Le tue parole dimostrano quello che sei: un essere piccolo, piccolo che non sa cosa vuol dire “la dignità” dell’uomo ed il suo diritto di scegliere liberamente la sua vita ed i suoi affetti. Resta “cazzuto”, e senza materia grigia nel cervello e sopprattutto privo di qualsiasi caratteristica che possa creare comunità. Tu, compagno mai!

  6. anna maria said

    ecco come ragionano, il cervello ce l’hanno nella parti basse, di qui tutto il problema dei “duri e puri”

  7. Ma chi è sto stronzo de bernardo de luigi?
    Rimanesse e se tenesse stretto stretto Pegolo e compagnia bella, ma non rompesse er cazzo

  8. nonviolento said

    E’ quello strano essere che pensa comunista perchè ama la falce ed il martello, la bandiera rossa, le parate sulla P.za rossa, e che cazzo hanno fatto bene a Tien a Men , quei giovinastri erano pagati dagli USA, duro e purissimo, ma omofobico, disprezza i finocchi, come li chiama lui di solito, fa battute che fanno ridere lui e altri quattro coglioni come lui sulle donne, si crede un grande, anche come persona, al contrario è squallido, mediocre ed anche un po’ stupido. Perchè ne parlo così, beh in una federazione come la mia dove noi abbiamo solo il 20% ed il resto è diviso fra una maggioranza grassiana ed una minoranza ferrariana e pegoliana, di elementi così ce ne sono a mazzetti. Pensate c’è persino chi nei federali urla contro gli extra e i Rom che rubano e chi sul blog della federazione scrive , “quando hanno ammazzato i due rapinatori, mi sentivo solidale, sarò mica di destra”? Mau non ti offendere, da quello che scrivi so che tu non sei di questa pasta, ma sai quanto ce ne sono fra i duri e puri? Tanti, forse troppi. Ovviamente non fra i dirigenti o i quadri intermedi, ma alla base, meglio tacere. In fondo è il loro stesso modo di intendere la politica che li fa essere così. Che cosa serve per essere un buon comunista, amare il simbolo, l’identità, Lenin, strizzare l’occhio anche a Stalin, però non si dice, tutta la mercanzia di potere , armi, guerra, targati URSS, una visione distorta dei partigiani, che invece pur combattendo odiavano le armi, tutto qui, operai, classe, comunismo, il resto è solo roba da intellettuali, da poeti, come qualche delegato, sentendosi un vero cazzuto, ha detto dal palco di Chianciano. Zenza accorgersi che la prima frase del documento da lui votato è la frase di un poeta, di un poeta ribelle molto ribelle contro i gli identitarismi e il suo partito.

  9. Franco said

    Bernardo sei cattivo cattico cattivo!! Non ti voglio piu` bene..ecco!!!!

  10. mau68- said

    caro violento io non mi offendo, conoscendo la realtà “proletaria” (sono nipote di contadini e cavatori) conosco benissimo come “la doppia morale borghese cattolica ” nei confronti del diverso sia sempre stata vincente tra la “classe” su alcune questioni, specialmente riguardo ai diritti civili!

    il problema non è dei duri e puri, conosco bene il pensiero dei camalli (e non conta se siano vendoliano o altro) sulle donne e sui diversi (così come mi ha sempre stupito che prima dell’associazionismo di sinistra la maggioranza dei gay fosse conservatrice!), ricordiamoci anche della “morale” imperante nel Pci prima del ’68…

    oggi la società sta arretrando su tutti i terreni, tornando anche tra i giovani agli anni ’50

  11. bernardo de luigi said

    Gentilissimo signor Nonviolento . . . .

    Forse qualche comunista ti ha molestato da piccolo? O ti ha zittito? O ha smascherato le tue idiozie da partito umanista?

    Per quello li odi.
    Ma li ammiri allo stesso tempo perchè tu povero pensatore incompreso (magari un magrolino con gli occhiali mezzo rachitico che non sa nemmeno cosa sia una donna, forse per questo strizza l’occhio ai ricchiuti . . .)ammiri il fatto che loro possono parlare liberamente con gli operai, con i plebei, con i pensionati, con i giovinastri senza tirar menate sulla decrescita (dei capelli?)o sull’importanza del movimento glmbt nella sinistra, che quando vedono un fascio non scappano ma lo prendono a calci, che non devono discutere con la propria donna dell’importanza della vagina negli spostamenti dei flussi elettorali prima di andare a letto mentre tu . . . tu non sai altro che blaterare . . .

    E scommetto che tu non ammiri l’Urss perchè ha fatto milioni di morti . . .(hai letto il libro nero del comunismo?) anche se ha istruito, sfamato, innalzato per molti anni della sua esistenza non solo un popolo ma tanti popoli sconfiggendo il nazifascismo e dando un forte sostegno ai movimenti di liberazione nazionale in tutto il mondo. E non ammiri le parate sulla Piazza Rossa perchè pensi che quell’esercito (che come ben sai è nato dagli operai, contadini e comunisti che lottavano per l’esistenza dello stato sovietico)fosse solo una crazione militarista come quello americano… E forse odi Chavez perchè è antidemocratico come Fidel che non lascia votare per il P.d.e.d.M.p.d.c. ossia partito degli esuli di miami pagati dalla cia . . .

    Tu la soluzione ce l’hai . . .
    Non bisogna ottenere il potere. Bisogna cambiare il mondo trasmettendo una speranza, come fa obama, facendosi picchiare senza reagire, come faceva ghandi, unire i popoli come face Woytila, liberarsi dalle dittature come fece Gorbaciov . . . dimenticandosi che nel frattempo obama è per la guerra in afghanistan (e forse in iran?), è contro i palestinesi (tranne quelli acquistabili)i e per Israele, che Ghandi aiutò a soffocare ogni movimento di lotta di classe nel suo paese in quanto espressione della borghesia indiana, che woytila era un feroce anticomunista che collaborava con la cia, e che gorbaciov diede il via alla svendita del suo paese (dove adesso i pensionati dalla pancia vuota si riprenderebbero pure il piccolo padre pur di mangiare. ..)

    Sogna nonviolento, sogna. Fumati le tue cannette e sogna. Magari mettiti la maglietta del che senza considerare quello che il che pensava di stalin e degli omossessuali. Che io rispetto e che sono pronto a difendere, cosi’ come i rom e come tutti i poveri e i diseredati del mondo bianchi o neri o gialli o verdi. E sono pronto a farlo non solo a parole caro nonviolento. Sono pronto a farlo con la mia vita proprio come quei partigiani che tu a sproposito citi dato che la maggior parte di essi (parlo di quelli comunisti) erano stalinisti.

    Ma penso che un partito che si fondi su tematiche legate solamente ai diritti civili e alle battaglie antiproibizioniste, che dimentica il superamento del capitalismo (non è attuale?) l’imperialismo (non è attuale) l’antifascismo (non attuale?) l’amicizia verso i popoli che si liberano da soli (Venezuela, Nepal per citare due casi recenti) perchè lo fanno con mezzi antidemocratici NON SIA UN PARTITO CHE POSSA CAMBIARE LA SOCIETA’ MA SIA SOLO UN PARTITO CHE IN QUESTO TIPO SOCIETA’ SI INSERISCA A PIENO TITOLO, QUINDI COMPATIBILE E NON RIVOLUZIONARIO CIOE’ NON COMUNISTA.

    Vai avanti ad accusare la gente di maschilismo, plebeismo, nostalgia. Bravo.
    Fallo tu assieme ad occhetto, vendola, fava e cio’ che rimane dei berty boys.

  12. bernardo de luigi said

    ps COMUNQUE nonviolento ti voglio ricordare che un non violento non dice coglione ad una persona che non può interagire fisicamente con lui no?
    Non è violenza anche questa? Forse è l’unica violenza che sai utilizzare? Quella della tastiera?Sapendo che puoi insultare tranquillamente senza conseguenze?

  13. Roberto Brontolo said

    A Bernà…..ammazza che vagonate de stronzate che scrivi! Ma dove le hai lette? sul Bignami del “Piccolo Comunista” edizione 1921? Quindi secondo te diritti civili e lotta al capitalismo o all’imperialismo non sono figli egli stessi valori che accomunano i comunisti? Che succede? le parole “diritti civili” non le trovi sulla tua copia del Capitale di Marx? Non ti dico la parola usata da Nonviolento pure io visto che non puoi “interagire” fisicamente con me (mamma mia, ma che linguaggio usi? non ti sei sfogato allo stadio domenica?, ma sappi che lo penso eccome che sei un ………….

  14. Roberto Brontolo said

    ….chissà in quanti rimarranno invece i Ferry boys….

  15. nonviolento said

    Bernardo lo ripeto sei un ……… L’unico modo di interagire con uno che spara stupidaggini come te è dargli e ridargli del …….. Sai io con i comunisti ci sono nato, anzi mi hanno fatto nascere,papà e mamma, ed erano pure partigiani. Poi ci ho vissuto pure in vacanza , sai gli zii ed i nonni, in effetti qualche volta mi hanno rotto i gli zebidei, ma sai cose da raggazzini, voglio uscire, no non puoi, insomma le solite storie generazionali. Vero sono magrolino, ma mi faccio una ventina di vasche due volte a settimana,e sono pure una scura cintura di aikido, le donne mi piacciono e ora sono sposato, ma quando ero giovane, venivo considerato un rubacuori, pensa ci sono donne quarantenni che si ricordano ancora di me. In effetti l’Unione Sovietica mi è sempre stata sul cazzo,non amo i Gulag, una dittatura e nulla altro. Le sue grandi vittorie sono vittorie del popolo russo e non del partito. Un idiota come Stalin fece fucilare e deportare il 70% del suo stato maggiore solo un mese prima della Barbarossa, più stupidi di così come si può essere, solo un satrapo orientale è similmente idiota. La sua follia fece in modo che le armate tedesche si trovassero di fronte un esercito senza ufficiali, che poi quegli ufficiali nello loro stragrande maggioranza erano null’altro che i soldati promossi ufficiali da Lenin per la loro partecipazione all’Ottobre, ed io dovrei amare un simile cretino? Basta leggersi un qualsiasi libro sulla seconda guerra mondiale per capirlo e non il libro nero, ma l’enciclopedia sulla seconda guerra pubblicata tanti anni fa, quando ancora c’era il muro con la collaborazione dell’istituto di scienze dell’URSS. La maglietta del Che non la metto più, sai non sono più un ragazzino, anzi, da buon borghese, amo vestire bene, con gusto e amo le cose belle, non voglio essere sciatto perchè così sono più comunista e rivoluzionario.
    “”Ma penso che un partito che si fondi su tematiche legate solamente ai diritti civili e alle battaglie antiproibizioniste, che dimentica il superamento del capitalismo (non è attuale?) l’imperialismo (non è attuale) l’antifascismo (non attuale?) l’amicizia verso i popoli che si liberano da soli (Venezuela, Nepal per citare due casi recenti) perchè lo fanno con mezzi antidemocratici NON SIA UN PARTITO CHE POSSA CAMBIARE LA SOCIETA’ MA SIA SOLO UN PARTITO CHE IN QUESTO TIPO SOCIETA’ SI INSERISCA A PIENO TITOLO, QUINDI COMPATIBILE E NON RIVOLUZIONARIO CIOE’ NON COMUNISTA.””
    Questa è la cosa più anticomunista che abbia mai letto, uno come mio padre ti prenderebbe a calci nel culo.

  16. Bernardo De Luigi said

    Stronzate, coglione, calci in culo . . . Che bella la vostra democrazia.

    Sarà meglio andare sul sito di forza nuova. Sono meno ipocriti di voi.

  17. E VAI !!! said

    Infatti li sti stanno aspettando !

  18. E VAI !!! said

    Infatti lì ti stanno aspettando !

    Vi invito comunque a non censurarlo a uno come questo
    Quando avete qualche dubbio sul perchè bisogna fare subito una SINISTRA DI POPOLO ricordatevi che in giro c’è gente come questa.

  19. rifondazioneperlasinistra said

    Non censuriamo mai nessuno. Ognuno è libero di dire ciò che vuole. Viene valutato per ciò che dice e fa. Amen

  20. mau68- la soap opera continua... said

    e vai… la soap opera continua: si prende uno che dice “cavolate” e si costruisce il manicheismo, da uan parte i giusti e dall’altra i cattivi!

    come Brunetta “sfrutta” per la sua campagna mediatica (risultata vincitrice, è l’unico ministro che uguaglia Berlusconi in popolarità)il fatto che chiunque, almeno una volta ha subito problemi seri con la burocrazia pubblica, per attaccare tutti i dipendenti pubblici; così molti vendoliani sfruttano la “campagna vendoliana” contro gli identitari sfruttando “uno che può dire anche cavolate”.
    la strategia vendoliana è chiara tutti quelli con me sono nel giusto gli altri “tutti sporchi e cattivi” (anche quelli che fino a ieri l’altro erano con lui, basti pensare che ad arrivare a quasi il 70% di Venezia manca il 22% non schierato questa volta con Bertinotti-Vendola-Giordano); quindi la “battaglia dentro il partito” diventa la “battaglia dell’ultima sponda”, si consegna così il 52% del partito (23mila compagne/i che hanno partecipato al congresso) alla gogna mediatica !!!

    Naturalmente i più accorti sanno che una rappresentazione manicheista non è corrispondente alla realtà, ma si attribuisce a responsabilità individuali responsabilità collettive (come fa Brunetta per la Pubblica Amministrazione)… ma il fine giustifica il mezzo… anche se poi è difficile fermare la macchina in moto (vedi festa di Firenze, dove Vendola deve cercare di mediare -anche tra il gruppo dirigente della sua mozione- tra chi vuole da subito la scissione a chi vuole una “lotta di lunga durata” di logoramento all’interno del partito con provocazioni al limite statutario, con la speranza di reazioni!); in questa guerra si “autoassolve” anche chi ha avuto responsabilità di primo piano nell’analisi di fase (che ha portato alla sconfitta di aprile ecc) e finge di essere l’unico che analizza la sconfitta culturale della sinistra proveniente da lontano (mentre accomuna le mozioni 1 e 2), in un processo di autoassoluzione che comunque funziona: tutte le colpe agli identitari (anche se hanno assunto ora responsabilità più dirette nel partito, facendo dimenticare che finché Bertinotti non aveva i numeri li teneva in maggioranza -fino a Venezia!);

    insomma tolleranza zero con i “comunisti identitari” ed autoassoluzione per glia altri (facendo dimenticare che linea e le analisi di Bertinotti-Vendola-Giordano-Migliore hanno dominato incontrastate fino all’oggi), la colpa è degli altri anche se non hanno mai dominato o erano tenuti in posizione subordinata!!!

  21. nonviolento said

    Non essere paranoico i giudizi sono personali. Se poi vedi troppi che stanno dalla parte della maggioranza ragionare come il compagno di cui sopra non sono problemi nostri, ma paranoie tue. Per il resto, come fanno tutti, sei invitato a citare le fonti delle tue affermazioni, in caso contrario sarà nostro dovere tagliare le parti che non hanno riferimenti certi.

  22. mau68- said

    per violento,
    citazione… da violento (#8):

    “beh in una federazione come la mia dove noi abbiamo solo il 20% ed il resto è diviso fra una maggioranza grassiana ed una minoranza ferrariana e pegoliana, di elementi così ce ne sono a mazzetti.
    Pensate c’è persino chi nei federali urla contro gli extra e i Rom che rubano e chi sul blog della federazione scrive , “quando hanno ammazzato i due rapinatori, mi sentivo solidale, sarò mica di destra”?…”

    dove è chiara la “soap opera brunettiana”…
    si prende uno che dice “cavolate” e si costruisce il manicheismo, dove stanno i più cattivi?
    da una parte i giusti (vendoliani) e dall’altra i brutti e sporchi comunisti (grassiani e ferreriani)!

  23. nonviolento said

    Guarda se vuoi ti posso lincare l’indirizzo del blog della federazione dove compare il nessaggio. Quello che ho scritto è la verità e non ho scritto che tutti sono così, ma che ce ne sono molti. Ieri ad esempio c’è stata una riunione di Area alla quale hanno partecipato come invitati altri compagni/e, si è discusso con tranquillità e chiarezza. Ti ripeto il consiglio, smettila di essere paranoico.

  24. mau68- said

    per violento…
    le tue dichiarazioni riportate chiariscono chi è il “paranoico”…

  25. mau68- said

    o meglio il “manicheista”

  26. romololeft said

    La sinistra di popolo ce l’abbiamo già:rifondazione comunista.Sono stato bertinottiano per anni(ora non più)e grido lo stesso fieramente W IL COMUNISMO…Io non rinnego…Per comunismo non mi riferisco a quello che è stato,ma a quello che mi auguro sarà.

  27. Antonino Orlando said

    Scusate compagni, ma perchè non proviamo a discutere di politica ?

    Allora se vi va vi consiglio la lettura di un bel testo: G. Amendola, intervista sull’antifascimo, Laterza editore.

    Magari poi ne possiamo riparlare.

    Siete/siamo tutti invitati

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: